Impegno per lo sviluppo sostenibile

Introduzione

L’anno 2009 è stato caratterizzato per Snam Rete Gas dall’avvio di un percorso che porterà a importanti trasformazioni organizzative a seguito della piena integrazione nel Gruppo delle società Italgas e Stogit. Ciò ha rappresentato e rappresenta un terreno di sfida concreto, dove misurare il percorso di Snam Rete Gas nel campo della responsabilità sociale d’impresa e nello sviluppo di una logica manageriale innovativa e integrata.

A questo proposito, nel mese di luglio è stato avviato il “Programma Energie”, un progetto che coinvolge circa 300 persone delle quattro società (Snam Rete Gas, Stogit, Italgas e GNL Italia), che, fino a marzo 2010, lavoreranno insieme per studiare, analizzare, confrontare processi e performance delle quattro aziende e per dare vita al nuovo modello di gestione dei processi operativi.

Tale programma è anche l’inizio del percorso per estendere il modello di sostenibilità adottato alle nuove società acquisite. L’attività di Snam Rete Gas è stata premiata, nel settembre 2009, con l’inclusione nel Dow Jones Sustainability World Index (DJSI World), il primo e più prestigioso indice borsistico mondiale di valutazione della responsabilità sociale delle imprese, cui accedono soltanto le società eccellenti nella gestione del proprio business secondo criteri di sostenibilità. Il Dow Jones Sustainability Index, nato nel 1999 con l’intento di tracciare la performance finanziaria di titoli che si distinguono per risultati eccellenti sotto un profilo economico, sociale e ambientale, seleziona circa 300 aziende su un totale di circa 2.500 candidabili per capitalizzazione.

A dicembre 2009 Snam Rete Gas è inoltre entrata a far parte dell’indice “ECPI Ethical Index Global”, ricevendo anche la conferma dell’inclusione negli altri due indici “ECPI Ethical Index Euro” e “ECPI Ethical Index EMU”, nei quali la Società era già presente. La riconferma è peraltro avvenuta per tutti gli indici nei quali Snam Rete Gas era stata selezionata negli anni precedenti, tra i quali, in particolare, l’indice FTSE4Good (per l’ottavo anno consecutivo).

La Società fonda la pratica quotidiana delle proprie attività sui principi dichiarati da Istituzioni e Convenzioni internazionali in tema di tutela dei diritti umani, di lavoro e di libertà sindacali, di salute, sicurezza e ambiente, di ripudio di lavoro forzato, minorile e di ogni forma di discriminazione, oltre che di rispetto dei valori e principi in materia di correttezza, trasparenza e sviluppo sostenibile.

Per dare maggiore visibilità a tale impegno, nell’ottobre 2009, Snam Rete Gas, ha aderito al “Global Compact” (Patto Globale). Tale iniziativa internazionale sostiene dieci principi universali relativi proprio ai diritti umani, al lavoro, all’ambiente e alla lotta alla corruzione ed unisce governi, imprese, agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni del lavoro e della società civile, con lo scopo di contribuire alla realizzazione di un’economia globale più inclusiva e sostenibile.

Il Bilancio di Sostenibilità che la società pubblica annualmente si conferma un importante strumento di controllo strategico che esamina le attività svolte, valutandole secondo le logiche dell’efficienza economica, della tutela ambientale e della tutela sociale e comunicando indicatori chiave su cui l’impresa si impegna e si confronta pubblicamente. Nel documento sono riportati gli obiettivi strategici individuati da Snam Rete Gas nel campo della Sostenibilità, in accordo ai principi enunciati nella Politica di Sviluppo Sostenibile.

Per sottolineare l’importanza dei temi di sviluppo sostenibile, il Consiglio di Amministrazione assume un ruolo centrale nella definizione delle politiche e approva il Bilancio di Sostenibilità, contestualmente all’approvazione della Relazione finanziaria annuale.