Rapporti con gli stakeholder

Azionisti e investitori istituzionali

Snam Rete Gas fin dalla quotazione sul mercato azionario (dicembre 2001) ha operato per costruire una propria identità di “Corporate”, che esprimesse, anche nelle forme di comunicazione finanziaria, gli obiettivi e lo spirito del management della Società.

Snam Rete Gas si è caratterizzata per la trasparenza nei rapporti con gli investitori e la comunità finanziaria, investendo nella comunicazione esplicita degli obiettivi e dei risultati ottenuti al fine di consentire agli azionisti e al mercato finanziario di valutare tutte le leve di creazione di valore della società.

L’impegno della Società è stato premiato con la sua inclusione nel prestigioso Dow Jones Sustainability World Index e nell’ECPI Ethical Index Global, oltre che con la riconferma negli indici etici FTSE4Good, ECPI Ethical Index Euro, ECPI Ethical Index EMU e nell’Ethibel Investment Register and Sustainability indices.

Nel 2009, con una strategia di comunicazione finanziaria molto intensa, la Società ha effettuato circa venti road show, finalizzati ad incontrare azionisti e investitori istituzionali, nelle maggiori piazze finanziarie europee e nord americane. Complessivamente, il management ha incontrato circa 100 investitori in riunioni dedicate (one to one), di cui circa venti presso la sede di San Donato Milanese, e a queste si sono aggiunte circa venti riunioni con più investitori (Group meetings). Anche le conferenze di settore (Utilities Conference) hanno rappresentato ulteriori occasioni di confronto.

In particolare, nel corso del 2009, la realizzazione di operazioni straordinarie, quali l’acquisizione di Stogit e Italgas e l’aumento di capitale finalizzato a finanziare in parte tale acquisizione, ha visto il management della società coinvolto in incontri ad hoc sia con le banche, facenti parte del consorzio di collocamento, che con gli investitori, al fine di delineare la coerenza strategica dell’operazione di acquisizione nonché di consolidare ed ampliare l’azionariato della Società nell’ambito dell’operazione di aumento di capitale.

In occasione della pubblicazione dei risultati aziendali (risultati annuali, semestrali e trimestrali), la società organizza conference call, cui partecipano mediamente cinquanta persone, tra le quali i ventisei analisti che pubblicano ricerche sul titolo. Subito dopo l’approvazione da parte degli organi societari, la Società rende disponibile la documentazione della relazione finanziaria, della relazione finanziaria semestrale e dei resoconti intermedi di gestione trimestrali, sia in italiano che in inglese.

Durante l’anno il management ha partecipato a tavole rotonde, seminari e convegni su temi attinenti il settore delle utilities, i mercati azionari e la corporate governance. Per ogni evento vengono predisposte specifiche presentazioni, successivamente pubblicate in un’apposita sezione del sito internet di Snam Rete Gas.

Le pagine dell’area Investor Relations (Rapporti con gli investitori) del sito Snam Rete Gas (www.snamretegas.it), sono costantemente aggiornate ed arricchite, in modo da poter assicurare un’istantanea e diffusa informativa. Tra le novità introdotte, si segnala la pubblicazione on line della “Financial Market’s Review”, che offre un’analisi mensile sui mercati finanziari e sull’andamento in borsa del settore utility, del titolo Snam Rete Gas e dei titoli degli altri competitors. A questa si è aggiunta, a partire dal mese di dicembre, “News&Facts”, una pubblicazione trimestrale rivolta in particolare agli investitori individuali.

Una particolare attenzione è stata inoltre dedicata alla tematica della sostenibilità, con un ulteriore ampliamento e razionalizzazione, nell’area dedicata alla categoria degli investitori socialmente responsabili, delle informazioni e dei link di cui un investitore etico, o un analista di società di rating etico, potrebbe necessitare per effettuare una valutazione della Società. Tra gli interventi effettuati, si segnala che, in aggiunta all’andamento di borsa degli indici internazionali, è stato inserito anche quello dei principali indici di sostenibilità dei quali la Società fa parte: il Dow Jones Sustainability World Index, il FTSE4Good Europe Index e il FTSE4Good Global Index.

Rapporti con il territorio e le comunità

Snam Rete gas, coerentemente con i principi di sviluppo sostenibile e con i propri piani di crescita strategica realizza interventi di carattere sociale e culturale. La società è impegnata in un dialogo continuo e fattivo con le comunità del territorio in cui opera. Coopera con le autorità a livello locale e nazionale, partecipa ai lavori di numerose associazioni e comitati mettendo a disposizione il proprio impegno e le proprie competenze per favorire miglioramenti nel campo della responsabilità sociale d’impresa.

In quest’ottica sono continuate le azioni di incontro e dialogo con le comunità dei territori dove opera. Vanno segnalati gli incontri pubblici con la cittadinanza di Cortemaggiore e Besenzone in provincia di Piacenza per presentare e discutere l’avvio del Progetto Pilota che Stogit ha in programma per l’iniezione e il sequestro di CO2 nel giacimento di Cortemaggiore,

Sono inoltre proseguiti i tradizionali incontri (Open day) rivolti alla cittadinanza, alle istituzioni locali e gli organi di informazione per illustrate, con l’aiuto dei tecnici specializzati, le attività degli impianti industriali di Snam Rete Gas. In particolare, gli Open day hanno riguardato la centrale di compressione di Messina e gli impianti di stoccaggio di Minerbio, Fiume Treste e Settala.

Nel corso dell’anno sono proseguiti gli incontri istituzionali con i rappresentanti degli Enti locali e delle amministrazioni pubbliche presenti sul territorio di Porto Venere, sede dell’impianto di rigassificazione di gas naturale liquefatto di proprietà di GNL Italia S.p.A, orientati alla ricerca di una sempre maggiore condivisione e partecipazione degli stakeholder locali alla scelta strategica aziendale di ammodernamento dell’impianto di Panigaglia.

GNL Italia ha inoltre contribuito alla realizzazione di una serie di eventi e manifestazioni, organizzati dal Parco Naturale Regionale di Porto Venere e dal Comune di Porto Venere nel corso del 2009.

Snam Rete Gas sostiene dal 2002 l’iniziativa di Legambiente “Puliamo il Mondo”, la più grande iniziativa internazionale di volontariato ambientale, patrocinata dall’UNEP, il programma ambientale delle Nazioni Unite, dal Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare e dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Snam Rete Gas e la cultura

Snam Rete Gas in qualità di Corporate member sostiene l’attività del museo Poldi Pezzoli, una delle più apprezzate istituzioni culturali milanesi e nazionali, in linea con l’impegno della Società a favore della conservazione dei beni artistici e della diffusione della cultura.

Italgas ha continuato la sua attività a sostegno di iniziative ed associazioni culturali, scientifiche e sociali. In particolare nel 2009 è stato realizzato il trasferimento e la riapertura del museo Italgas, inaugurato il 15 maggio 2009, avviando inoltre il progetto di sistematizzazione e informatizzazione del patrimonio documentale presente nell’archivio.

E’ proseguito il progetto “Il Paesaggio Italiano” per valorizzare le aree attraversate dalla rete dei metanodotti e le loro comunità. Si tratta di un progetto dal valore artistico e culturale assegnato a tre importanti fotografi che attraverso le loro immagini hanno ritratto le frontiere dell’importazione del metano. Nel 2009 l’iniziativa è giunta alla sua terza edizione. Dopo la Sicilia, approdo del gas del Nord Africa, e la Val Padana, snodo strategico della rete dei metanodotti, protagonista di questo nuovo viaggio fotografico è stato l’arco alpino.

Clienti e Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas

Il rapporto con il Regolatore (l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas) nell’anno 2009 è stato costruttivo. In particolare, nel mese di dicembre l’Autorità ha emanato la Deliberazione ARG/gas 184/09 che fissa i criteri per la definizione delle tariffe di trasporto e misura del gas naturale per il terzo periodo di regolazione (1° gennaio 2010-31 dicembre 2013), confermando per il quadriennio un quadro regolatorio trasparente, chiaro e stabile. Analoghe sono le caratteristiche del quadro regolatorio che sovrintende le attività di rigassificazione, distribuzione e stoccaggio.

La collaborazione tra Trasportatore, Regolatore e Utenti è la base per la realizzazione di un mercato regolamentato del gas, che incentivi gli operatori verso un utilizzo sempre più virtuoso ed efficiente della rete nella sua interezza a vantaggio della comunità e dei Clienti e che contribuisca fattivamente alla sicurezza e alla flessibilità degli approvvigionamenti di gas per il nostro Paese.

Fornitori

La Società, nell’approvvigionarsi di lavori, beni e servizi necessari per lo svolgimento delle attività inerenti l’esercizio delle infrastrutture e lo sviluppo di nuovi investimenti, si rivolge a una molteplicità di soggetti presenti sul mercato, opportunamente qualificati.

Alla luce del nuovo assetto organizzativo del Gruppo, i fornitori assegnatari di almeno un contratto nel 2009 sono 1.415 di cui esteri circa il 3,7%, per un totale di 2.124 contratti emessi.

Il processo di approvvigionamento di beni, lavori e servizi, è svolto dalla funzione “Supply Chain”, che assicura il suo corretto svolgimento attraverso la pianificazione dei fabbisogni, la ricerca e qualifica di fornitori, la definizione di strategie e strumenti contrattuali coerenti con il mercato in continua evoluzione e con le normative di legge, la promozione di gare di appalto e la gestione del patrimonio immobiliare. Il sistema su cui si basa tale processo è volto a garantire un’oggettiva valutazione dei fornitori, sia in fase di qualifica che di assegnazione dei contratti, assicurando loro pari opportunità una volta soddisfatti gli standard qualitativi richiesti.

Secondo il livello di criticità della categoria merceologica, l’inserimento di una nuova società nell’elenco dei fornitori è subordinato alla valutazione positiva di diversi aspetti tra cui quella preliminare, documentale e tecnica. Inoltre, particolare attenzione è richiesta ai fornitori circa l’adesione al modello di Organizzazione e Controllo (D.Lgs 231/01 – responsabilità Amministrativa) di Snam Rete Gas e ai principi del Codice Etico che è parte integrante del modello stesso, il rispetto di adeguati criteri di sicurezza sul lavoro, la tutela della salute, la gestione della qualità e della salvaguardia aziendale e, infine, degli standard internazionali in materia di diritto del lavoro.

Una volta assegnato un contratto, la permanenza nell’elenco fornitori è subordinata alla positiva valutazione delle prestazioni fornite in termini di qualità di prodotto, processo e rispetto delle consegne.