Innovazione technologica e attività di ricerca

Nel corso del 2009 Snam Rete Gas ha sviluppato in due ambiti principali Europei il proprio impegno per l’individuazione di nuove tecnologie per la sicurezza e l’efficienza della rete di trasporto.

In ambito GERG, “Groupe Européen de Recherches Gazières” (www.gerg.eu), Snam Rete Gas, che ha mantenuto nel corso del 2009 la presidenza del Programme Committee Transmission & Storage, ha coordinato la definizione di nuovi progetti riguardanti:

  • il controllo e il monitoraggio delle condotte;
  • la verifica e la valutazione di integrità strutturale di tratti di condotte;
  • il trasferimento di tecnologie da altri settori di business ai processi di trasporto del gas.

Inoltre, sempre sotto l’egida del GERG, si è concluso un progetto, coordinato da Italgas, nel settore dell’odorizzazione del gas naturale. Il progetto ha visto la partecipazione sia delle maggiori aziende di distribuzione gas europee che di numerosi produttori di sostanze odorizzanti. Il risultato di tale progetto è stato presentato al Comitato Tecnico (TC 193) dell’ISO affinché potesse essere preso in considerazione per essere incluso nella raccolta normativa ISO.

In ambito EPRG “European Pipeline Research Group” (www.eprg.net) Snam Rete Gas ha partecipato a progetti di ricerca volti a migliorare l’integrità e la sicurezza delle condotte per il trasporto di gas, con particolare attenzione agli aspetti strutturali, metallurgici e corrosivi.

Inoltre nell’ambito dello sviluppo e dell’innovazione nei sistemi di gestione della rete di trasporto di gas naturale, nel corso del 2009 ha continuato a seguire l’attività di benchmarking con l’obiettivo di individuare e confrontare, con altre compagnie di trasporto gas europee, i principali e condivisi indicatori tecnico economici (KPI – Key Performance Indicator).

Con riferimento all’attività di distribuzione, nel corso del 2009 è stata condotta una sperimentazione in campo, che ha fornito buoni risultati, di un modello di puntatore laser portatile di nuova generazione, di peso contenuto e buona maneggevolezza, per la rilevazione di dispersioni gas da tubazioni o impianti fuori terra. Il puntatore è dotato di certificazione ATEX (ai sensi della direttiva 94/9/CE dell’Unione Europea) per poter operare in ambienti potenzialmente pericolosi. Tale puntatore, oltre a presentare i vantaggi tipici della tecnologia laser (elevata selettività nei confronti del metano, possibilità di operare anche in condizioni climatiche svantaggiose, ecc.), permette di rilevare a distanza la presenza di metano, anche in aree potenzialmente esplosive, senza esporre a rischi il personale addetto. La società sta attualmente valutando l’utilizzo operativo di tale apparecchiatura.

Italgas, inoltre, a fronte della deliberazione n. 155/08 dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, ha avviato il progetto “Telelettura contatori gas” con lo scopo di testare le tecnologie di telelettura per contatori ad uso domestico attualmente disponibili in commercio. Dopo una prima fase di indagine di mercato sono state selezionate nove differenti soluzioni, otto delle quali utilizzano la comunicazione a radio frequenza ed una utilizza la tecnologia GSM/GPRS.

Nel corso del 2009 sono stati installati in campo, e sono tuttora in fase di test, circa 4000 dispositivi. Inoltre è proseguito il progetto di innovazione tecnologica relativo ai contatori ad ultrasuoni di grosso calibro da installare sugli impianti di regolazione e misura (REMI) ed è stata avviata una campagna di prove, per quanto concerne i contatori domestici, su un contatore ad ultrasuoni di produzione giapponese.